Menu

Tecnologia Amica / Quando un “ciclone” migliora le prestazioni del portatile

1

KLIM Cyclone è un raffreddatore ad aria – ventilatore – per computer portatili. Garantisce al Disabile la continuità di funzionamento anche in circostanze di cado torrido come anche offre migliori prestazioni a tutti coloro che usano il computer per necessità lavorative, di produttività.

Come sono giunto a KLIM Cyclone?
L’anno scorso, nella seconda metà di giugno, il mio MacBook Pro 15″ iniziò a spegnersi apparentemente senza motivo. Dopo svariate indagini e l’acquisto della App iStat Menus capii che il mio fedele “compagno di indipendenze varie” aveva troppo caldo, quindi si auto ibernava per non essere danneggiato da un calore eccessivo.
Quasi per scherzo andai su Amazon per cercare un ventilatore per il mio Mac. Rimasi sbalordito dall’offerta proposta da differenti produttori e, dopo un attento esame, acquistai il KLIM Pro che bene si adattava a un portatile da 15″.

Il MacBook Pro smise di spegnersi e la temperatura della CPU si stabilizzò su valori più che accettabili.

A un anno di distanza ho scelto una maggiore potenza adottando il KLIM Cyclone che mi ha permesso di passare da due a ben cinque ventole di raffreddamento.
Prima di proporvi la recensione del KLIM Cyclone, vi invito a guardare la galleria di immagini e il video così da avere già una visione globale del prodotto propedeutica a quanto scriverò di seguito.

Galleria immagini e video

Disabili DOC – KLIM Cyclone, edizione 2020

KLIM Cyclone, edizione 2020. Raffreddatore ad aria dotato di 5 ventole a velocità variabile e attivabili in due gruppi: le due superiori più la centrale e le due inferiori. L’alimentazione è trasmessa via USB 2.0.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, a ventole accese

KLIM Cyclone, a ventole accese. È disponibile in blu e rosso.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, vista laterale

KLIM Cyclone, vista laterale. In questo caso non sono state utilizzate le apposite gambe che permettono di sollevare, a più altezze, la parte posteriore inclinando così anche il portatile.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, parte anteriore

KLIM Cyclone, parte anteriore. L’immagine lascia intravvedere l’interno e mette in risalto la parte frontale con il fermo che impedirà lo scivolamento del portatile.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, vista d'insieme

KLIM Cyclone, vista d’insieme. È messa in evidenza la potenza delle 5 ventole ed il fermo frontale.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, dettaglio porte USB

KLIM Cyclone, dettaglio porte USB. Si notino anche i due potenziometri per regolare l’attivazione e la velocità dei due gruppi di ventole.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, eBook omaggio

KLIM Cyclone, eBook omaggio. I clienti potranno scaricare un eBook che propone sette consigli utili ad allungare la vita al proprio portatile.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, i diversi ambiti di utilizzo

KLIM Cyclone, i diversi ambiti di utilizzo.

video di presentazione.

A chi è destinato un raffreddatore per computer?

A tutti coloro che hanno la necessità di ottenere maggiori prestazioni dal proprio portatile, ossia:

  1. Al Disabile che gestisce parte, o gran parte, della propria autonomia tramite il suo fedele compagno: il computer.
  2. A tutti coloro che lavorano con un computer che non può offrire meno prestazioni nel caso abbia caldo.
  3. A quei lavoratori Disabili che incarnando le figure ai punti precedenti hanno una doppia motivazione per sperare che il loro computer non collassi mai.

Apro una breve parentesi.
Si noti che molti Disabili, ed io sono nel numero, scelgono un portatile anziché un fisso perché è semplicemente più usabile. Io non mi muovo mai con il mio MacBook Pro, ma l’ho scelto perché ho a portata di mano il tasto di accensione che sarebbe irraggiungibile su un iMac.

Belli i tempi in cui Apple inseriva il tasto Power sulle tastiere rendendo la vita più comoda a tutti!

Comprendere le necessità di un Disabile significa investire in D-Consulting [Italiano/Inglese].

Perché proprio KLIM Cyclone

Per qualche semplice motivo:

  • per la potenza;
  • per l’immediata disponibilità in epoca Covi-19;
  • perché non conoscevo ancora il modello KLIM Airflow ahimè visto a cose fatte, tale modello è peraltro momentaneamente mancante nei magazzini italiani causa i rallentamenti da Covid-19 ma sarà comunque disponibile a breve (parola di KLIM Technologies Italia).

La contrapposizione fra il Cyclone e l’Airflow, oltre alla diversa tecnologia di ventilazione, si basa su un fattore stilistico: il Cyclone è più pensato per una attività di gaming mentre l’Airflow ha più un design da scrivania per ufficio o da studio quale è la mia.

KLIM Cyclone nel dettaglio

Per giungere al concreto senza tante parole inutili vi propongo un’esplorazione per punti del KLIM Cyclone:

  1. Apparato di ventilazione
    Cinque ventole suddivise in due gruppi distinti – uno da 3 (le due superiori e quella centrale) e uno da 2 (le due inferiori) – attivabili e regolabili attraverso due potenziometri, rotelle, poste sul fianco destro in prossimità degli ingressi USB.
    Pro – Cinque ventole sono un’ottima potenza di fuoco, anzi, di vento. Il fatto che si possano attivare separatamente e a diverse velocità, consente di ottimizzarne l’utilizzo sia in base al modello di computer e sia in riferimento al calore ambientale che d’estate influisce sui portatili come su di noi.
    Contro – Nessuno.
  2. Piastra di supporto
    È di metallo traforato ed è decisamente ampia rispetto all’ingombro totale. È in grado di ospitare portatili sino a 17″ senza alcun problema.
    Pro – Essendo di metallo contribuisce a dissipare il calore. Il metallo risulta lievemente modellato in alcune zone tanto da creare delle vie di fuga per l’aria calda e migliorare così il raffreddamento.
    Contro – Nessuno.
  3. Fermo anteriore
    Quello che in una immagine e indicato come “frontal tab” ha il compito di fermo per il portatile che altrimenti scivolerebbe in avanti tanto più si inclina il Cyclone.
    Pro – Nessuno.
    Contro – È un elemento mobile da posizionare nell’apposito vano. Erano migliori i due fermi del KLIM Pro estraibili e richiudibili nella struttura che li ospitava. Per la linea dei MacBook di Apple risulta troppo alto, due di diverse altezze sarebbero stati una valida scelta.
    È tuttavia da tener presente che tutti i portatili da gaming sono più spessi di qualunque altro portatile anche non Apple; in funzione del target la scelta fatta risulta quindi corretta.
  4. Prese USB
    Sono due porte USB di tipo A e 2.0 poste sul lato destro. Una è obbligatoriamente preposta ad alimentare il Cyclone.
    Pro – Sono 2. Possono anche gestire la trasmissione dati anche se la USB utilizzata a tale scopo non riuscirebbe ad alimentare un HD esterno, per esempio, in quanto dei 500mA di rete il Cyclone ne potrebbe assorbire fino a 400.
    Contro – In questo caso il discorso si complica:
    1) Sarebbe stato comodo averne una per lato, si sarebbero accontentati tutti gli utenti: destrimani e mancini.
    2) Se si pensa alla doppia USB per non far perdere una porta al portatile, allora era bene adottare delle USB 3.1 in un prodotto del 2020; lo ritengo un difetto minore perché penso siano pochi gli utenti che useranno il Cyclone come Hub USB.
    3) Vista le crescente diffusione della USB-C sarebbe stato interessante inserirla come alternativa alla seconda di tipo A.
  5. Il cavo
    È un cavo con doppia spina USB A maschio.
    Pro – Nessuno.
    Contro – Sarebbe interessante avere come alternativa all’attuale un buon ed elegante cavo spiralato nero. Siccome la distanza fra portatile e presa del Cyclone è sempre minima, un cavo di qualità spiralato manterrebbe massimamente ordinata la scrivania.
    Qualora un utente volesse far giungere il cavo, per esempio, in un Hub alimentato userebbe un proprio cavo USB normale che molto probabilmente avrebbe già anche.
  6. Sostegni posteriori
    Le “gambe” del Cyclone consentono di gestire varie inclinazioni.
    Pro – Poter regolare l’inclinazione è certamente una soluzione più che pregevole tanto più se, come faccio io, si usa una tastiera esterna.
    Contro – Nessuno.
  7. Struttura in plastica
    A eccezione della piastra superiore e altri elementi inevitabilmente metallici o in gomma/silicone, tutta la struttura è in materiale plastico.
    Pro – Nessuno, nel senso che è realizzata per un certo scopo e assolve egregiamente al suo compito.
    Contro – Nessuno.
  8. Nel blu…
    LED vari illuminano ventole e bordi.
    Pro – L’effetto è molto gradevole.
    Contro – Nessuno.

La visione d’insieme restituisce l’immagine di un prodotto adatto al target al quale si propone. Personalmente, non essendo un gamer, rimpiango la sobrietà e il maggior minimalismo del mio vecchio e glorioso KLIM Pro.

Un’idea per migliorare KLIM Cyclone, ma non solo lui

Per spiegarvi l’idea che migliorerebbe Cyclone, e tutti gli altri modelli che ancora non la adottano, vi invito a osservare la seguente immagine.

Disabili DOC – KLIM Cyclone, un'idea per migliorare Cyclone e altri modelli

KLIM Cyclone deve sempre rimanere acceso? Il portatile ha necessità di essere ventilato anche quando, per motivi di stagione, in casa o in ufficio fa freschetto? La nostra base di raffreddamento la dobbiamo necessariamente collegare al computer?

La risposta a tutte queste domande è «No!»

Esaminiamo quindi l’idea per punti:

  1. In un punto adeguatamente centrale della piastra d’appoggio verrà inserito un sensore di carico (1.) che, di fatto, è un banalissimo pulsante N/A (normalmente aperto) che chiuderà il proprio circuito solo quando il portatile sarà posto sulla base di raffreddamento.
  2. L’area che ospita il logo KLIM (2.) diventerà un interruttore unipolare – o comunque identico al pulsante sopra descritto – anch’esso N/A che, attingendo corrente dal sensore di carico (1.), farà partire il Cyclone. Questo solo se il contatto del sensore di carico sarà chiuso, quindi solo in presenza del computer sulla base che con il suo peso premerà il sensore (1.).
  3. L’interruttore (2.) è quindi dipendente dal sensore (1.).

Vediamo ora quali sono i vantaggi di questa soluzione tanto più partendo dal presupposto che il Ciclone potrebbe essere collegato a un Hub USB alimentato anziché al portatile:

  • Per il Disabile
    Potrebbe accendere e spegnere il Cyclone premendo un interruttore posto nella posizione più vicina alle sue mani. Un interruttore a filo scrivania sarebbe comodo sia per una mano distonica, quindi dai movimenti a volte bruschi e incerti, ma anche per una mano indebolita da una delle varie patologie che, appunto, indeboliscono.
  • Sempre per il Disabile
    Spesso ci avvaliamo dell’aiuto, non sempre tecnico o attento, di chi ci affianca; avere un cavo in meno da inserire/disinserire in una presa USB del portatile sovente significa risparmiare molte parole di spiegazione e di richiesta di attenzione.
  • In ambito lavorativo
    Che sia una segretaria chiamata dal capo o un altro dipendente che deve trasferirsi in una riunione con il suo portatile o ancora il manager che deve lascare l’ufficio portandosi dietro il suo laptop, semplicemente sollevando il computer dalla base di raffreddamento la spegnerebbero.
  • Per l’ambiente
    La comodità d’azione si coniugherebbe anche con un risparmio energetico.
  • Per la nostra base KLIM
    La comodità d’azione porterebbe tutti a una maggiore attenzione, a un utilizzo della base di raffreddamento solo quando servirà. Così si diminuirà anche l’usura di un prodotto che non cambieremo più perché l’avremmo spremuto sino all’osso, ma per il piacere di utilizzare nuove soluzioni ancora più performanti.

Da una necessità di molti Disabili scaturisce, ancora una volta, una soluzione per tutti rendendo così un prodotto veramente FEP – For Every People – quindi adeguato a tutti!

In conclusione

Innanzitutto un sincero grazie al Signor Samuele – KLIM Product Specialist – di KLIM Technologies Italia che ha agevolato questa recensione con diverse utili informazioni. Grazie!

Tirando le somme la valutazione del Cyclone è più che positiva perché è un prodotto esattamente allineato al suo target: i gamer, i giocatori.
Le valutazioni più critiche che avete letto sono solo dettate dalle necessità del D-Mondo – i Disabili – o da consigli per una futura evoluzione del prodotto.

Volendo dare un consiglio a KLIM Technologies potrei dire: limitate la gamma, definite tre target – ufficio, casa e gamer – definendo 3 modelli con materiali e soluzioni premium in grado di proporsi come prodotti di design al medesimo prezzo (perché si ottimizzerebbe la catena produttiva e i magazzini) e anche prodotti realmente accessoriati di soluzioni oggi solo accennate.

Mi piacerebbe molto potervi proporre anche la recensione del KLIM Airflow che sfrutta un sistema di ventilazione a turbina e flusso d’aria incrociato. Sperem…

Cara KLIM Technologies, un grazie anche dal mio MacBook Pro che dallo scorso luglio suda meno!


Riepilogo prodotti

Prezzi, caratteristiche e disponibilità potrebbero variare.
Non perdete l'opportunità per fare un buon acquisto!

Visitate la pagina Acquisti DOC ➤
e scoprite offerte e Speciali.

KLIM™ Cyclone – Base di Raffreddamento PC Portatile

È disponibile in diverse varianti.

Scopri tutte le caratteristiche...

Apanage – Hub USB 3.0, 5 Porte USB Hub (4 Porte di Trasferimento Dati ad Alta velocità + 1 Porte di Ricarica Intelligente) con singoli interruttori On/Off e alimentatore di rete.

Utile per attivare/disattivare periferiche o accessori che si avvalgono della rete USB.

Scopri tutte le caratteristiche...

Apanage – Hub USB 3.0, 11 Porte USB Hub (7 Porte di Trasferimento Dati ad Alta velocità + 4 Porte di Ricarica Intelligente) con singoli interruttori On/Off e alimentatore di rete.

Utile per attivare/disattivare periferiche o accessori che si avvalgono della rete USB.

Scopri tutte le caratteristiche...

VOCOlinc VP2 – Multipresa Smart Wi-Fi con 4 Prese Indipendenti fino a 2.300 W

Compatibile con Google Assistant, Alexa e Apple HomeKit. Offre una doppia protezione da sovraccarico e l'a sua gestione da remoto

Scopri tutte le caratteristiche...

MyGadget – Carica Batteria USB – Caricatore da Muro Universale (1A / 5V)

Confezione da 2 pezzi, è disponibile anche la confezione da 1 caricatore.

Scopri tutte le caratteristiche...

Share.

About Author

Carlo Filippo Follis

Sono nato il 25 febbraio del 1963 ed a 23 anni ho coronato il mio primo sogno d'impresa: un'attività commerciale che durò per circa vent'anni. Dopo un periodo sabbatico fondai nel 2009 Ideas & Business S.r.l. che iniziò la sua opera come incubator di progetti. Nel 2013 pensai di concretizzare un sogno editoriale: realizzare un network di testate online. DisabiliDOC.it è la seconda testata attiva dal 16 febbraio 2015. Altre già pensate e realizzate prenderanno vita pubblica nei prossimi mesi. Per ora scrivo per passione come per passione ho sempre lavorato per giungere alla meta.

Partecipa

  • 1 commento

    1. Pingback: Tecnologia Amica / Per l'ufficio e la casa, KLIM Airflow raffreddatore a turbina per PC portatili - DisabiliDOC.it

    Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments