Menu

Carlo Filippo Follis propone una sintesi del suo libro “Riprogettiamo il D-Mondo”

1

Pillole di “Riprogettiamo il D-Mondo – Tuteliamo il futuro dei Disabili e di chi potrebbe diventarlo” per comprendere meglio le basi sulle quali bisognerebbe riprogettare una cultura sociale e giungere a soluzioni mai conquistate.

Parte X
Dalla scuola dell’obbligo ai Master universitari
Uno sguardo al passato per migliorare il futuro

Capitolo 31
Considerazioni di base

L’argomento scuola è estremamente complesso, prima di affrontarlo propongo delle considerazioni utili a comprendere i capitoli successivi.

Capitolo 32
Integrazione a ogni costo. Un risultato positivo o negativo?

Sempre a causa di folli pensatori e teoretici a piede libero si iniziò a pensare che l’integrazione indiscriminata dei Disabili nelle scuole “normali” – ossia non speciali – fosse un segno di civiltà.
Non vi è nulla di più sbagliato se il concetto viene generalizzato senza tenere conto delle specifiche esigenze del singolo D-Alunno. Costruire l’immagine di una società dalla mente aperta sulla pelle dei Disabili è da criminali tanto quanto lo è stato chiudere i manicomi prima di progettare una intelligente ricollocazione delle persone in base alle difficolta che vivevano.
Purtroppo in Italia si celebrano le genialate del singolo anche perché la forza politica a cui appartiene è golosa all’idea di poter firmare un cambiamento storico.
Purtroppo, nel caso specifico, molti Disabili vennero – e vengono – gettati in pasto a realtà che non erano, e non sono, in grado di prepararli anche solo alla semplice convivenza con i compagni che è alla base di un vivere e agire comune in futuro dove il problema non si chiamerà più Scuola bensì Lavoro.

La scuola non ha solo l’obbligo di istruire, ma – al di sopra di ogni cosa – dovrebbe educare a vivere civilmente. Un compito assai arduo se non si hanno i mezzi giusti per comprendere particolari D-Realtà.

Non sarebbe quindi meglio forgiare il D-Alunno per 5, 7 o 8 anni nell’ambito di scuole speciali – se necessario – per poi permettergli una reale e tutt’altro che teorica integrazione in quella scuola che sarà l’anticamera del mondo del lavoro?

Io frequentai i 5 anni di scuole elementari e i primi 2 delle medie presso l’istituto Don Carlo Gnocchi di via Capecelatro a Milano, poi tornai a Chivasso per frequentare la terza media e, come recita una canzone, «…fu mia la città!».

Capitolo 33
Insegnante di Sostegno: solo se necessaria!

L’integrazione scolastica inevitabilmente avrebbe creato una nuova figura professionale: l’insegnate di sostegno. Una figura necessaria e sempre altrettanto indispensabile?

Leggete il capitolo e lo scoprirete.

Capitolo 34
Professionalizzare costa caro… A farne le spese è il Disabile

L’integrazione indiscriminata del D-Alunno è folle tanto quanto un eccesso di professionalizzazione che aumenta esponenzialmente i costi della scuola e, a maggior ragione, la gestione delle specifiche necessità del D-Alunno. Indovinate chi ne fa maggiormente le spese…

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Share.

About Author

Carlo Filippo Follis

Sono nato il 25 febbraio del 1963 ed a 23 anni ho coronato il mio primo sogno d'impresa: un'attività commerciale che durò per circa vent'anni. Dopo un periodo sabbatico fondai nel 2009 Ideas & Business S.r.l. che iniziò la sua opera come incubator di progetti. Nel 2013 pensai di concretizzare un sogno editoriale: realizzare un network di testate online. DisabiliDOC.it è la seconda testata attiva dal 16 febbraio 2015. Altre già pensate e realizzate prenderanno vita pubblica nei prossimi mesi. Per ora scrivo per passione come per passione ho sempre lavorato per giungere alla meta.

Partecipa

  • 1 commento

    1. Pingback: “Riprogettiamo il D-Mondo”, un libro per migliorare la vita dei Disabili tutelando il futuro di Tutti - DisabiliDOC.it

    Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments