Menu

“Nata viva” è anche il corto interpretato da Zoe Rondini

0

La regista Lucia Pappalardo firma il corto “Nata viva” nel quale Zoe Rondini interpreta se stessa. Il corto è bello, geniale, emozionante e intelligente. È da vedere.

Scrivere di se stessi può essere un atto di coraggio che non tutti hanno. Recitare e interpretare se stessi – mettersi quindi completamente a nudo – è un ancor più grande atto di coraggio che Zoe Rondini ha avuto.

Sotto la regia di Lucia Pappalardo tutti i protagonisti del film contribuiscono a sintetizzare una vita vissuta intensamente tanto da scegliere di raccontarsi. Il film è geniale, nell’arco di una giornata tipo – dalla mattina alla sera – si racconta con freschezza, ironia e fermezza un’esistenza vissuta disabilmente.
Si susseguono molti perché e vengono date altrettante risposte. Hanno voce anche figure importanti nella vita di Zoe che testimoniano il suo essere, ciò che lei è e come vive la vita.

Zoe – come me e tutti i Disabili reali – è oggettivamente Disabile, ma ciò che si percepisce dopo poco tempo è solamente la storia di una donna con la D maiuscola che è combattiva nel voler vedere avverati i propri sogni, le proprie aspirazioni e il desiderio di una vita che non debba essere scevra d’amore, quell’amore che fa coppia e ti fa percorrere un lungo cammino di vita mano nella mano.

Zoe è anche un dito medio rivolto verso l’alto, è il carattere forte che non si piega all’ignoranza di un mondo che, in particolari momenti, la dovrebbe sostenere anziché metterla ancor più a dura prova.

Zoe è una gran bella persona. Trasuda intelligenza, coraggio e un fascino di classe. La disabilità può intaccare il contenitore ma il contenuto è un cervello che pensa e un cuore che batte e ritma la vita con passione e passionalità.

Sono felice di proporvi questo film che definire corto mi sembra quasi inappropriato. Sarei però più contento se lo poteste vedere su Rai 1, Canale 5 o … perché questo girato è D-Cultura e anche perché un giorno scrissi “Estate 2015: Cani battono Disabili 10 a 1”.

Non sarebbe quindi ora che i Disabili “abbaiassero” un po’ di più il loro protagonismo?

Io e Disabili DOC ringraziamo Zoe Rondini, la regista Lucia Pappalardo e tutto il Cast, operatori inclusi, per l’eccellente iniziativa. Grazie!

Disabili DOC – Zoe Rondini autrice di “Nata Viva” protagonista dell'omonimo corto

Nata viva, il libro. Copertina e retro copertina.

Share.

About Author

Carlo Filippo Follis

Sono nato il 25 febbraio del 1963 ed a 23 anni ho coronato il mio primo sogno d'impresa: un'attività commerciale che durò per circa vent'anni. Dopo un periodo sabbatico fondai nel 2009 Ideas & Business S.r.l. che iniziò la sua opera come incubator di progetti. Nel 2013 pensai di concretizzare un sogno editoriale: realizzare un network di testate online. DisabiliDOC.it è la seconda testata attiva dal 16 febbraio 2015. Altre già pensate e realizzate prenderanno vita pubblica nei prossimi mesi. Per ora scrivo per passione come per passione ho sempre lavorato per giungere alla meta.

Partecipa

  • Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments