Menu

Disabili protagonisti del proprio “camminare” grazie all’esoscheletro ReWalk

0

La Fondazione Universitaria “Foro Italico” offre la possibilità di diventare Disabili esperti nell’utilizzo dell’esoscheletro ReWalk. Apprendere l’utilizzo di questo strumento tecnologico significa acquistare o riacquistare l’indipendenza per la propria mobilità, significa poter camminare.

Disabili DOC – Un Disabile che sta per diventare un “ReWalker” grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Un Disabile sta seguendo il corso di formazione all’utilizzo dell’esoscheletro realizzato dalla ReWalk Robotics presso una struttura della Fondazione Universitaria “Foro Italico”.

Il 3 aprile 2015 vi annunciavamo una novità assoluta presentata al CES 2015 di Las Vegas. La ReWalk Robotics proponeva per la prima volta un esoscheletro in grado di restituire a molti Disabili la capacità di camminare o, per altri, di vivere per la prima volta una condizione sino ad allora sconosciuta.

A distanza di poco più di un anno torniamo a parlare dell’esoscheletro ReWalk perché la Fondazione Universitaria “Foro Italico” di Roma ha iniziato da qualche tempo dei training dedicati all’apprendimento su come utilizzare l’esoscheletro per acquisire l’autonomia che porta il Disabile a camminare autonomamente.

Come scrivemmo nel primo articolo, questo prodotto è destinato a tutti quei Disabili che pur essendo impediti nella deambulazione hanno la capacità di coordinare con energia busto e arti superiori.
L’esoscheletro è infatti un prodotto da indossare che necessita di essere governato affinché possa affiancare il Disabile nei movimenti necessari a gestire la camminata.

La Fondazione Universitaria “Foro Italico” ha predisposto un documento per evidenziare il proprio operato relativamente ai pacchetti di training gestiti per addestrare i Disabili all’utilizzo dell’esoscheletro ma anche per definire le caratteristiche di quei Disabili che potranno fare uso di questa tecnologia amica.
È per questo motivo che di seguito vi proponiamo il documento predisposto dalla Fondazione affinché possiate immediatamente comprendere se lo strumento di indipendenza di cui stiamo parlando può essere destinato al vostro utilizzo. Leggete quindi con attenzione quanto segue.

Disabili DOC – Un Disabile che sta per diventare un “ReWalker” grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Comprendere come acquistare o riacquistare la possibilità di camminare grazie alla “tecnologia amica” apre orizzonti nuovi sulla qualità della vita e delle relazioni. È possibile tornare a pensare quanta strada si potrà fare per raggiungere i propri obiettivi …!

Disabili DOC – Un Disabile che sta per diventare un “ReWalker” grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Un Disabile impossibilitato a camminare ma con la capacità di una buona e robusta coordinazione degli arti superiori può tornare a camminare grazie all’esoscheletro di ReWalk Robotics. Il volto di questo Disabile sorrideva entusiasta alla Maratona di Roma del 10 aprile scorso.

Disabili DOC – Un Disabile che sta per diventare un “ReWalker” grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Sulla sinistra dell’immagine un passato – le carrozzine – che si riducono a strumenti di riposo per quando non c’è una effettiva necessità di camminare in autonomia. Esoscheletro e carrozzina sono strumenti di indipendenza, l’esoscheletro rappresenta un’evoluzione tecnologica che offre un’autonomia “eretta” che dà o restituisce il piacere di stare in piedi affianco ai propri simili.

Requisiti visita medica e Pacchetti Training

  1. Visita medica e requisiti
  2. La visita medica viene effettuata dalla nostra Equipe pluri-specialistica composta da:

    • Uno psicologo
    • Un medico chirurgo specialista in Neurologia
    • Un medico chirurgo specialista in Fisiatria
    • Un Laureato in fisioterapia

    L’equipe valuta l’idoneità del paziente in base ai seguenti criteri:

    • Lesione inferiore a D4
    • Paresi o paralisi delle estremità inferiori
    • Forza delle estremità superiori sufficiente o migliore
    • Controllo del tronco sufficiente o migliore
    • Altezza fra 160 e 190 cm (a seconda della lunghezza del femore)
    • Peso non superiore 100 kg
    • Densità ossea normale (MOC), assenza di fratture
    • Capacità di tollerare il programma di messa in posizione eretta e deambulazione
    • LE ROM sufficiente da consentire la deambulazione
    • Caviglia neutra, esterno anca 0º, contrattura del ginocchio ≤ 10º
    • Funzionalità motorie ben conservate di mani, braccia e spalle
    • Assenza di spasticità gravi e verifica del grado di spasticità
    • Assenza di significative contratture, di fratture non cicatrizzate degli arti o pelviche e di lesioni neurologiche diverse dalla mielolesione.
    • Assenza di osteoporosi, ulcere da decubito, cloni o movimenti involontari

    In caso di idoneità del paziente vengono effettuate le misurazioni per la taratura futura dell’esoscheletro.

  3. Pacchetto Basic: 20 sessioni, durata 1 ora e venti minuti
  4. Durante corso di addestramento Basic si effettuano esercizi di equilibrio, stabilizzazione, verticalizzazione e sit to stand, dalla posizione seduta alla posizione eretta attraverso l’esoscheletro e stampelle con l’obiettivo di muovere i primi passi. Successivamente il paziente impara la gestione dell’esoscheletro, dalla programmazione all’uso dello stesso quando indossato. Si effettuano esercizi per i passaggi posturali, per l’uso delle canadesi, per il controllo ed equilibrio del tronco.
    Le sessioni di addestramento Basic saranno da 2 a 4 per ciascuna settimana compatibilmente con la risultante fisica individuata dall’equipe medica e si svolgeranno sotto la supervisione di due operatori dedicati e opportunamente formati.

  5. Pacchetto Advanced: 20 sessioni, durata 1 ora e venti minuti
  6. Durante il corso di allenamento Advanced, si sviluppano fasi di mantenimento e perfezionamento dell’esercizio fisico adattato. Si riduce la frequenza settimanale di attività a due sedute alla settimana.
    Le sessioni di training si svolgeranno sotto la supervisione di due operatori dedicati e opportunamente formati. In questa fase verrà chiesto ad un familiare di partecipare alle sessione di allenamento in modo da essere formato per un eventuale utilizzo autonomo a domicilio.

  7. Pacchetto Maintenance: 4 sessioni mese, durata 1 ora e venti minuti
  8. L’obiettivo della prosecuzione del corso è quello di continuare a godere dei benefici fisici ottenuti durante il corso Basic e Advanced, di potenziare le prestazioni, di garantire un supporto psicologico nel lungo periodo e di ridurre sensibilmente tutte le problematiche, fisiche e mentali derivanti dal trauma.

La Fondazione Universitaria “Foro Italico”

Disabili DOC – Un Disabile che sta per diventare un “ReWalker” grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Da Disabile “seduto” a protagonista “eretto” della Maratona di Roma. «La libertà è partecipazione …», certamente il grande Gaber non pensava a esoscheletri quando scrisse e cantò quelle parole ma urlò una grande verità tanto più vera quanto più risulta difficile “partecipare”.

Di seguito vi proponiamo il testo firmato dal Prof. Fabio Pigozzi che riassume lo spirito e le finalità del progetto Facciamo 4 passi. Prima di lasciarvi alla lettura è doveroso sottolineare che ogni Disabile, potendo, dovrebbe perseguire il sogno della propria indipendenza o comunque mirare a essere sempre più autonomo affinché si possa relazionare con il mondo che lo circonda nel modo migliore e ottenere di seguito tutto quanto la vita gli potrà offrire. Coltivare il culto del possibile è la prima forma di rispetto che un Disabile può avere per se stesso ed è lo stesso rispetto che dovrebbe ricevere da chi gli sta accanto con l’obbligo morale di spronarlo qualora vivesse dei timori a provare qualche esperienza di lucida follia.
La tecnologia, la tecnologia amica, sta evolvendo e offrirà sempre più soluzioni che ridurranno o annulleranno molti limiti. I Disabili, come spesso ribadiamo, debbono essere protagonisti di questo progresso in grado di scrivere pagine come quella dedicata all’esoscheletro ReWalk.

Disabili DOC – Disabili “ReWalker” protagonisti alla Maratona di Roma grazie all'esoscheletro di ReWalk Robotics

Disabili “ReWalker” protagonisti alla Maratona di Roma grazie all’esoscheletro di ReWalk Robotics, così si vince …!

Documento Fondazione
Universitaria “Foro Italico”

Progetto “Facciamo 4 passi”

Training e Ricerca scientifica per utilizzo dell’esoscheletro robotico indossabile (ReWalk Robotics) per persone con lesioni spinali

Ho il piacere di sottoporre alla sua attenzione il progetto “Facciamo 4 passi”, finalizzato al finanziamento di attività di training per l’utilizzo dell’esoscheletro per tutti coloro i quali hanno subito lesioni del midollo spinale e che pertanto sono impossibilitati a camminare e quindi a condurre un normale stile di vita.

Tali soggetti non sono adeguatamente sostenuti e supportati dal Servizio Sanitario Nazionale e, nonostante gli investimenti effettuati da differenti istituzioni sanitarie pubbliche, a tutt’oggi non esistono realtà in grado di offrire questo tipo di servizio sia per motivi organizzativi che per mancanza di personale qualificato.

La Fondazione Universitaria “Foro Italico”, da sempre attenta alle problematiche sociosanitarie, ha lo scopo di coadiuvare l’Università nello sviluppo della cultura, della ricerca, della formazione nell’ambito delle attività motorie, dello sport e del benessere psico-fisico nella sua più ampia eccezione. A tal fine, la Fondazione si propone di favorire la collaborazione tra l’Università e le comunità territoriali, mediante la prestazione di servizi e attività volte a reperire risorse per sostenere iniziative di eccellenza e di cooperazione a livello internazionale.

Da questo presupposto è nata la volontà di creare un servizio dedicato in questo ambito, con il supporto di un partner di eccellenza quale la ReWalk Robotics Ltd., teso a soddisfare le loro esigenze con l’obiettivo di migliorare la loro qualità di vita.

La preparazione professionale del personale specializzato coinvolto, gli innovativi strumenti tecnologici utilizzati e le attività di ricerca della Fondazione Universitaria “Foro Italico” sulle ricadute cliniche e funzionali, forniscono una garanzia assoluta dell’impegno e della concretezza che sta alla base del progetto e che lo rende unico nel territorio nazionale.

Da settembre 2015, il progetto “Facciamo 4 passi” ha preso vita grazie al sostegno economico ed alla volontà e collaborazione dei suoi partner, che hanno somministrato il training gratuitamente con palesi benefici conseguenti.

Speriamo che anche Lei possa credere nel nostro progetto e possa contribuire a realizzare un sogno.

La Fondazione Universitaria “Foro Italico”

Prof. Fabio Pigozzi

Le immagini presenti in questo articolo vi avranno certamente offerto molti spunti di riflessione, forse più di quanto non abbiano fatto le parole. Agire significa spesso definire la qualità della nostra vita e la possibilità di condividerla nel modo migliore con chi ci sta accanto.

Speriamo di tornare a parlare dell’esoscheletro della ReWalk Robotics non più per dirvi ciò che fa o quanto vi permetterà di fare ma piuttosto raccontarvi di come ha cambiato la vita di quei soggetti Disabili che oggi chiamiamo ReWalker.

Contatti

Centro ReWalk Roma
Fondazione Universitaria “Foro Italico”
Via Leopoldo Franchetti c/o
Piazza Lauro De Bosis, 15
00135 Roma

Mobile: +39 333 76.88.32.1 / Dott. Luca Brecciaroli
Email: info@centrorewalk.it

Centrorewalk.it
Fondazioneuniversitariaforoitalico.it

Condividi

A proposito dell’autore

Carlo Filippo Follis

Sono nato il 25 febbraio del 1963 ed a 23 anni ho coronato il mio primo sogno d'impresa: un'attività commerciale che durò per circa vent'anni. Dopo un periodo sabbatico fondai nel 2009 Ideas & Business S.r.l. che iniziò la sua opera come incubator di progetti. Nel 2013 pensai di concretizzare un sogno editoriale: realizzare un network di testate online. DisabiliDOC.it è la seconda testata attiva dal 16 febbraio 2015. Altre già pensate e realizzate prenderanno vita pubblica nei prossimi mesi. Per ora scrivo per passione come per passione ho sempre lavorato per giungere alla meta.

Partecipa

  • Lascia un commento

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments