Menu

Bambole sorde e mute per rappresentare la disabilità

2

Continua la ricerca del giocattolo a immagine e somiglianza del Disabile. È la volta delle bambole sorde e mute.

Abbiamo già parlato di bambole e bambolotti realizzati a immagine e somiglianza del Disabile. Lo abbiamo fatto nell’articolo “#ToyLikeMe: per quale motivo dovremmo volere delle bambole Disabili?” che voleva indagare sui motivi per i quali si può desiderare una bambola Disabile.

Dopo le bambole in carrozzina, quelle amputate e altre con differenti disabilità, arrivano ora le bambole sorde e mute.

Questo articolo è stato ispirato da una email ricevuta da una nostra lettrice, la Sig.ra Jaciara Souza Silva, che ci chiede se in Italia sono reperibili queste bambole. Dopo una breve indagine online ci sembra di no, ma potremmo sbagliarci sebbene siamo convinti che la vendita avvenga direttamente partendo dal produttore di questi stessi giocattoli il cui sito web è Signingworks.net.

Un articolo che approfondisce l’argomento è stato pubblicato da Sordionline.com che titola Bambole disabili: campagna social dall’idea di tre mamme.

Per rispondere alle esigenze dei vari clienti, nella maggior parte dei casi, queste bambole vengono realizzate attraverso stampanti 3D. Quindi è ancor più plausibile che la vendita venga fatta direttamente dal produttore che così riesce a soddisfare le varie richieste di personalizzazione del giocattolo.

Share.

About Author

La Redazione

Contattateci per segnalare eventuali notizie che ritenete meritevoli di attenzione. Anche la Vostra storia potrebbe diventare un interessante articolo da proporre ai nostri lettori. Scriveteci utilizzando il link «Contatti redazione» presente nel menù in cima alla pagina.

Partecipa

  • 2 commenti

    1. Pingback: Parole per i sordi » Bambole sorde e mute per rappresentare la disabilità

    2. Ma a nessuno viene in mente che i bambini, disabili e non, devono essere liberi di “rappresentarsi” nei loro giochi e non di “essere rappresentati”??? Quando le bambole erano bambole, cioè bambini di cui prendersi cura “da adulti” da “mamme e papà” e non pupattole e veline stile Barbie o altre lolite plastificate, questo problema non c’era perché la bambina (ma anche, più raramente, il bambino) non si identificava affato con la bambola, se mai “proiettava” sulla bambola (che proprio per questo era di solito il simulacro piuttosto “neutro” di un infante di pochi mesi o un neonato) il proprio immaginario, inventava caratteri, condizioni, ambienti e situazioni. La bambola non è il personaggio definito dal costruttore con cui la bambina deve identificarsi, ma uno strumento il “medium” attraverso cui esprime creativamente il suo mondo di sentimenti, desideri, paure, fantasie. La prima cosa indottrina e imprigiona, l’altra libera e fa crescere. Ricordo che talvolta facevo ammalare le mie bambole per inscenare situazioni difficili con corse all’ospedale, pericoli da evitare, nemici da sconfiggere, catastrofi naturali, ostacoli da superare, di solito eroicamente e con immancabile successo. Ricordo, di aver sottoposto a cure tipo bendaggi e ingessature le mie bambole: il tutto con materiale di recupero, pezzi di tela, di legno, pezzi di altri giochi. Dopo le cure le bambole guarivano. Io, imprigionata nei busti della mia scoliosi evolutiva di cui avrei dovuto continuare ad occuparmi a vita (e lo sapevo), volevo che le mie bambole guarissero ed ero contenta così, come qualsiasi madre che tanto è pronta ad accettare qualsiasi malattia dei suoi figli tanto desidera che siano il più possibile sani e forti. Ma la vogliamo smettere di tormentare i bambini, disabili e non, coi nostri pruriti politicamente corretti, con le nostre ipocrisie, con i nostri ideologismi? Da disabile di 65 anni, vi giuro che non se ne può più! I giochi devono permettere ai bambini di immaginare quello che vogliono. Nessuno impedisce a un bambino Down di immaginare la sua bambola Down, SE VUOLE, nessuno impedisce a una bambina in carrozzella di inventarsi, usando un camioncino o qualcosa con le rotelle, di mettere la bambola in carrozzella SE NE HA BISOGNO, nessuno impedisce a una bimba con apparecchio acustico di simulare un apparecchio con un pezzetto di filo plastificato, per la sua bambola SE LO DESIDERA. Questa infelice trovata invece non dà scampo ai disabili che si sentono sì riconosciuti ma, guarda caso, non come persone “anche” disabili, ma come esseri completamente e rigidamente identificati da se stessi e dagli altri col proprio specifico stigma. Basta! Piantatela!

    Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments