Menu

Abbiamo atteso il momento propizio, grazie all’ingresso della testata in Google News avremo maggiore visibilità per proporre quanto potrà migliorare la vita ai Disabili.

Disabili DOC – Carlo Filippo Follis – Direttore Editoriale di DisabiliDOC.it e Project Manager di D-Consulting per I&B

Io, Carlo Filippo Follis, D-Opinionista e da sempre Disabile.

Fare dell’informazione, come fare del giornalismo, è un privilegio che deve rendere consapevoli i protagonisti dell’ambito editoriale di una responsabilità importante e unica: le loro parole potranno informare, creare cultura, aiutare e sostenere valide cause. Il giornalismo quello vero, quello in cui noi crediamo, è il giornalismo che diffonde la notizia con la massima oggettività senza aggiungere faziosità che la distorcerebbero allontanandola dalla realtà dei fatti.

Il giornalismo è però anche opinione. Ogni testata ha i propri opinionisti, coloro che esprimendo un proprio parere, una propria visione dell’argomento inducono a riflettere e in qualche modo condizionano il lettore con delle parole che potranno essere recepite e accettate oppure rifiutate.
C’è però alla base un impegno culturale che l’opinionista esercita convinto delle proprie parole.

Fare del giornalismo opinionistico offre un valore aggiunto a taluni argomenti che hanno bisogno di essere sostenuti, di essere portati a conoscenza di un’opinione pubblica che spesso li ignora non per disinteresse ma perché semplicemente non conosce certe realtà.

I Disabili – il D-Mondo tutto – ha la necessità di avere degli opinionisti urlanti che inizino a svegliare i dormienti, o coloro che semplicemente non conoscono taluni argomenti, affinché le problematiche legate ai Disabili si inizino a percepire come problematiche collettive di una società che potrebbe diventare Disabile in ogni momento.

Il Disabile soffre già di una condizione limitante a causa di capacità residue ridotte. Quello che però Associazioni, Federazioni o semplicemente testate giornalistiche non sottolineano è che Disabili si può diventare in qualunque momento. Il Disabile è già “servito” ma voi che non lo siete vivete inconsapevoli del fatto che potreste ritrovarvi iscritti al Club Disabilitè da un momento all’altro. Potrebbe capitare a causa di un evento traumatico, potrebbe capitare a causa di una patologia di origine genetica che un bel giorno decide di manifestarsi o semplicemente potreste essere lentamente calati nel D-Mondo per la vostra anzianità che avanza.

Tutti voi, per un tempo breve o lungo, prima di morire avrete il “piacere” di gustare la condizione che noi Disabili viviamo spesso per tutta una vita. Il Disabile non è sempre una persona “libera” perché la libertà è anche commisurata all’indipendenza che invece la disabilità riduce o nega.
Voi però, persone normodotate in grado di agire, avete il potere di esprimervi, agire e condizionare con le vostre scelte un’opinione pubblica e una visione collettiva del D-Mondo oggi sbagliata. È vostro dovere, per il bene del vostro futuro, iniziare a pensare che le esigenze dei Disabili sono anche le vostre, questo perché semplicemente le potreste vivere.

Purtroppo la collettività normodotata viene più coinvolta da temi chiassosi o drammatici. L’Italia ha affrontato il problema terrorismo, l’emergenza AIDS, ha ascoltato i diritti degli omosessuali che hanno ottenuto molto di quello che chiedevano e tutto questo è accaduto per un semplice motivo: le realtà citate minacciavano fisicamente ognuno di noi creando terrore e paura o più semplicemente – parlando di diritti degli omosessuali – si è gestito il problema con il clamore di un apparire tanto eccessivo da poter uscire dall’ombra.

I Disabili con la loro (in)capacità d’azione non hanno mai sparato, non hanno mai infettato e non hanno mai nemmeno organizzato coloratissimi e chiassosi D-Pride in grado di attirare su di essi le telecamere delle TV e le penne dei giornalisti. Certamente i Disabili – con le loro Associazioni, Fondazioni e Federazioni – hanno la colpa di non aver mai urlato per la stupida convinzione di non volersi confondere con chi, negli ultimi 30 anni, ha leso la società italiana o semplicemente si è dimostrato chiassoso (ma con successo).

Ecco perché ci rivolgiamo a chi non è Disabile, a chi può agire, a chi può tutelare il proprio futuro, a chi vorrà abbandonare quella deficienza di origine etimologica latina che lo vede privo di quelle conoscenze che potrebbero garantirgli un migliore futuro, tanto più se predestinato a entrare nel Club Disabilitè.

Noi di Disabili DOC non siamo menagrami ma semplicemente vi proponiamo una visione realistica della vita.

Share.

About Author

Carlo Filippo Follis

Sono nato il 25 febbraio del 1963 ed a 23 anni ho coronato il mio primo sogno d'impresa: un'attività commerciale che durò per circa vent'anni. Dopo un periodo sabbatico fondai nel 2009 Ideas & Business S.r.l. che iniziò la sua opera come incubator di progetti. Nel 2013 pensai di concretizzare un sogno editoriale: realizzare un network di testate online. DisabiliDOC.it è la seconda testata attiva dal 16 febbraio 2015. Altre già pensate e realizzate prenderanno vita pubblica nei prossimi mesi. Per ora scrivo per passione come per passione ho sempre lavorato per giungere alla meta.

Partecipa

  • 2 commenti

    1. Pingback: Pensando al 3 dicembre: Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone Disabili - DisabiliDOC.it

    2. Pingback: Selezione News n. 108 - DisabiliDOC.it

    Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments